Il mio libro Me lo dai un bacio?

Ecco la scheda del mio libro
Me lo dai un bacio?...clicca qui

sabato 11 novembre 2017

Kris & Barbra

Kris Kristofferson il cantante country, che cito molte volte nel mio romanzo Bourbon & Viagra, ha avuto una storia d'amore con Barbra Streisand. Qui un video che li ritrae nel momento della loro intensa storia d'amore...poi a causa dell'alcolismo che purtroppo colpisce molti artisti statunitensi, ecco la conclusione.

domenica 19 marzo 2017

E' morto Chuck Berry

Si è spento in Missouri il musicista che con la sua memorabile chitarra firmò l'era del rock 'n roll attraverso brani risultati intramontabili come 'Johnny B Goode' e 'Roll Over Beethoven'
La musica dopo l'avvento di Chuck Berry non sarebbe stata più la stessa. Chuck Berry è stato uno dei padri del rock'n'roll. A Saint Louis, la città del Missouri che lo aveva visto nascere nel 1926, aveva un locale che l'ha visto cantare fino all'ultimo. Io lo cito nel mio romanzo Bourbon & Viagra.
I the Beatles e i The Rolling Stones hanno sempre affermato di essere stati ispirati da Chuck Berry. Oggi possiamo affermare che il Rock mondiale piange un padre della musica (cosiddetta leggera) che ha segnato più di ogni altra il '900.
"Se volete chiamare il rock in un altro modo chiamatelo Chuck Berry", aveva detto John Lennon sottolineando come lui e una intera generazione di musicisti in tutto il mondo aveva "visto la luce" attraverso il bacino roteante di Elvis e la chitarra elettrica di Chuck Berry.
Tra i suoi successi vanno ricordati: Maybellene, seguito da Roll over Beethoven, Rock'n'roll music, Sweet Little Sixteen e soprattutto da Johnny B. Goode - il suo brano più famoso e importante, pietra miliare della musica popolare moderna e del rock'n'roll.
Qui sotto un video con Keith Richards che lo accompagna alla chitarra.

martedì 7 marzo 2017

Holy Water- Acqua santa. Un film che ha protagonista il Viagra.

Ecco qui segnalato un film che si può vedere gratuitamente su YOUTUBE

Il titolo è Holy Water e ha come protagonista il Viagra. Un film divertente, da vedere.

lunedì 14 novembre 2016

Ancora sul Viagra...

Il Viagra ha confermato l'Italia quale seconda classificata nei consumi di Viagra; subito dopo la Gran Bretagna. Questa notizia è stata fornita durante il congresso della Società Italiana di Urologia tenutosi a Venezia nei giorni scorsi. Tra le regioni italiane il cui consumo del farmaco, che aiuta il mantenimento di una giusta erezione, va detto poi che prima è la Lombardia, seguita da Emilia-Romagna, Toscana e Liguria. Tra le città invece la più godereccia è Roma. Una curiosità: i consumi sono più al nord che al sud Italia.

Ogni tanto riportiamo questi dati forniti da urologi e ricerche sanitarie...poi naturalmente ci sono le conseguenze di costume e di cultura che fanno comprendere come con l'introduzione del Viagra siano aumentati i divorzi tra gli anziani; soprattutto poi l'uso che non andava a curare una disfunzione erettile, ma ad aumentare la prestazione sessuale: ottenere performance potenti...in fondo il Viagra come afrodisiaco invece che farmaco.

Quindi aspetti culturali che investono anche i comportamenti dei giovani: un consumatore su 4 ha meno di 40 anni.
Oggi il Viagra, lanciato sul mercato nel 1998 dalla Pfitzer, è un farmaco che è libero, nel senso che il suo componente il sildenafil può essere acquistato come farmaco generico e costare un terzo di prima.

Nonostante ciò il Viagra risulta sempre in testa alle classifiche di vendita; anche se nel frattempo si sono aggiunti nell’ordine: il tadalafil (nome commerciale Cialis), il verdenafil (Levitra) e l'avanafil (Spedra).
Potenzialità meno mantenute nel tempo ed effetti avversi maggiori non hanno però intaccato il predominio sul mercato del sildenafil, la cui modalità d’azione è piuttosto veloce (si può assumere anche mezz’ora prima di avere un rapporto sessuale) e dotato di un’efficacia che può protrarsi dalle tre alle sei ore.

Ancora buon amplesso.

(Notizia elaborata da un articolo riportato su il Secolo XIX di Fabio di Todaro)

sabato 5 novembre 2016

Un nuovo farmaco destinato al successo di vendite come il Viagra?

La notizia è apparsa ai primi di novembre di quest'anno 2016: C'è una casa farmaceutica italiana che cercherà di battere nelle vendite il farmaco Viagra, prodotto dalla Pfister. Questa è la Recordati che con un farmaco utile a fermare l'eiaculazione precoce, oltre a rompere l'ultimo tabù sessuale sulla virilità maschile, si appresterà nel 2017 a superare la produzione quantitativa del Viagra. Così la pensano in molti. Sarà così?

Questo nuovo prodotto si chiamerà Fortacin. Fino ad oggi questa patologia ha solo una risposta farmacologica approvata in Europa e si chiama Priligy, un farmaco somministrato oralmente che agisce a livello del sistema nervoso centrale; invece quello che arriverà a breve sarà a base di lidocaina e prilocaina e sarà uno spray di facile uso e dall'azione veloce...velocità nel fermare l'eiaculazione precoce che da analisi di mercato indicano questa disfunzione molto diffusa. Gli studi epidemiologici condotti negli Usa e in Europa stimano l'incidenza di questo problema dell'eiaculazione precoce intorno al 30%, alcuni ricercatori ritengono che il dato sia sottostimato.

Così basteranno tre spruzzi di Fortacin sul glande e via...via alla buona durata dell'amplesso.
Infatti la combinazione dei due principi attivi sono una combinazione anestetica locale nota e che l'uso di uno spray locale riduce al minimo il quantitativo di principio attivo assorbito e, di conseguenza, il rischio di effetti indesiderati a carico dell'intero organismo. Il medicinale ha avuto effetti psicologici positivi sui pazienti e sulle loro partner, mentre gli effetti indesiderati sono di portata locale e, in genere, risultano gestibili.

Il Fortacin sarà, come il Viagra e il Cialis, sottoposto a vendita previa ricetta medica però gli analisti finanziari ricordano che quando nel marzo del '98 negli Usa venne introdotto il Viagra, a luglio dello stesso anno già si contavano 3,6 milioni di ricette, mentre contemporaneamente crollarono le vendite di afrodisiaci naturali. Benvenuto allora Fortacin, e auguri anche per conto delle tante donne rimaste insoddisfatte dai molti maschi affetti da questa disfunzione.

Ecco intanto dove trovare le caratteristiche del prodotto redatte dal centro di salute europea: QUI

mercoledì 19 ottobre 2016

Buon Compleanno Chuck Berry

'Chuck Berry il più grande rocker di tutti i tempi', così lo ha definito la rivista Rolling Stones, ha compiuto il 18 ottobre 2016, 90 anni. Tanti auguri Chuck Berry.
Io gli dedico questo post su questo blog poiché non a caso lo cito nel libro Bourbon & Viagra. Di più faccio suonare il protagonista del mio libro nel suo locale a St. Louis nel Missouri...a pochi chilometri da casa sua a Columbus.
E’ a East St.Louis che muove i suoi primi sogni un ragazzo di nome Miles Davis. Tra le sue strade, Ike e Tina Turner preparano i litigiosi anni del soul. Non è un caso che "St.Louis Blues" sia, nel 1914, una delle prime lacrime sprigionate dal dolore in 12 misure. La musica del diavolo e delle sue poesie tristi e maledette. A St. Louis accadono nel mio libro fatti importanti, Intanto bisogna sapere che in questa città si incontrano stili e influenze che preparano a una delle più grandi rivoluzioni musicali del Novecento: una mistura esplosiva di country bianco e blues di colore che ammalierà i giovani di un’intera nazione. Sì proprio a St.Louis, per merito di un chitarrista nero nasce il 'rock and roll'...senza togliere nulla a Elvis Presley.
Le sue canzoni come 'Maybelline'(1955), 'Roll Over Beethoven' (1956), 'Rock and Roll Music' (1957) e 'Johnny B. Goode' (1958), hanno reso il rock and roll una musica di successo generazionale di un'epoca e influenzato tutto il rock successivo a livello mondiale.

Se tu volessi dare un altro nome al rock and roll, lo potresti chiamare Chuck Berry" (John Lennon)
"C’è stato un momento nella mia vita nel quale l’unica cosa che volevo era imparare a suonare come Chuck Berry" (Keith Richards)

Johnny B. Goode -ascoltabile nel video- è poi l'unica canzone rock-and-roll incluso nel Voyager Golden Record (le registrazioni musicali inserite nella sonda spaziale Voyager lanciata nel 1977 e destinati a qualsiasi entità intelligente presente nello Spazio).

giovedì 13 ottobre 2016

il Nobel per la Letteratura a Bob Dylan

Il Nobel per la Letteratura 2016 è andato a Bob Dylan per aver creato una nuova espressione poetica nell'ambito della tradizione della grande canzone americana".

Ecco come ne parlo nel mio libro Bourbon & Viagra.

(pag. 41) 'A Memphis raggiungo il locale che mi aveva segnalato l'amico John, verso sera. Sono nel cuore della Beale Street. Qui la musica è in ogni angolo. Qui c'è soprattutto blues, ma non manca il country, in ristoranti e clubs sempre pieni di turisti. Il locale dove suonerò è un Rock Cafè. Con quel Charles, a cui avevo telefonato su indicazione di John, abbiamo concordato la scaletta di canzoni. Il mio repertorio comprende anche molte canzoni che potrei definire di country rock. Sono successi di Bob Dylan e di Bruce Springsteen. Tra i brani eseguiti ho messo anche Stuck inside of Mobile With the Memphis blues again. Per cantarla ho chiesto a Charles lo spartito perché le parole non le ricordavo. Mi sembra giusto: è un testo tra i più poetici e insieme più indecifrabili di Bob Dylan.
Well, Shakespeare, he's in the alley / With his pointed shoes and his bells/Speaking to some French girl / Who says she knows me well / And I would send a message / To find out if she's talked/But the post office has been stolen/ And the mailbox is locked / Oh, Mama, can this really be the end / To be stuck inside of Mobile / With the Memphis blues again.
Shakespeare, è nel vicolo / con le sue scarpe a punta e le sue campane / Sta parlando ad una prostituta/che dice di conoscermi bene / Ed io vorrei spedire un messaggio / per scoprire se ha parlato / Ma l'ufficio postale è stato rubato e la cassetta postale è chiusa / Oh, Mamma, può essere veramente la fine/essere di nuovo bloccato a Mobile / col blues di Memphis.

Inoltre nel mio libro cito altre canzoni di Bob Dylan:

All Along The Watchtower / I like a Rolling Stones /Blowing in the wind/ Knockin' on Heaven's Door

Ecco il video i quest'ultima.

Robert Allen Zimmerman, nato a Duluth il 24 maggio del 1941, a 75 anni con la vincita del Nobel ha spiazzato tutti...come quando il premio Nobel per la letteratura fu dato a Dario Fo. Bisogna dire però che Bob Dylan ha segnato molto la storia della musica americana e poi del mondo delle canzoni; ha portato il genere folk -country a livelli sorprendenti. Tutti ricordano quel viso da ragazzino serio che cantava con l'armonica in bocca. Un ragazzo timido che non si aspettava il successo e che ogni volta cercava di schivare giornalisti e domande. Non voleva apparire una icona di qualche movimento anche se la sua canzone Blowing in the wind era divenuta un inno pacifista. Insomma, non seguì l'impegno di Joan Baez che l'aveva spronato ad uscire dal suo riserbo.

Comunque per la cultura americana resta un grande. Come ha detto Bruce Springsteen nel discorso a gennaio 1988, alla cerimonia di inclusione nella Rock and Roll Hall of Fame: "Bob ha liberato le nostre menti nello stesso modo in cui Elvis ha liberato il nostro corpo. Ci ha dimostrato che il fatto che questa musica abbia una natura essenzialmente fisica non significa che sia contro l'intelletto".